Riky Ragusa e Taglia46

Stampa

Riky Ragusa e Taglia46: Carlo

 

Mi chiamo Carlo e chiedo il tuo aiuto
son detenuto ad Avenal
tra le vicende
gli errori giudiziari
la mia coscienza pace non ha
e sincronizza ogni minimo mio istante
perchè è importante la Verità
impari i fatti ma non i pregiudizi
o i falsi indizi di questa america
è tutto scritto sulle carte e sulle perizie
è tutto scritto sulle stelle
forse rimangono solo quelle

Avrei potuto patteggiare la mia colpa
dare una svolta a questa sordità
la sordità di passare i migliori anni
dietro le sbarre di un'altra patria
certo mi è chiaro voi non trovate il tempo
ma io son contento di questa dignità
il disinteresse dei capi di partito
han partorito questa società
non ho la forza di immaginare più le stagioni
le ribellioni per la mia causa
L'inverno....
l'inverno picchia forte nella mia stanza
in questo prato di notte vaga la speranza
mamma ti prego voglio tornare
Sono Carlo Parlanti non sono un criminale
Sono Carlo Parlanti non sono un criminale
non riesco più a fare affidamento
il qualunquismo
il lasciare che tutto passa
e la la riscossa della non verità

Article in English Riky Ragusa e Taglia46 [Size46]